08 novembre, 2008

il profumo delle mani


Perchè ogni persona ha una storia da raccontare, una storia di cui preferisce non parlare, una storia insinuata nelle mani, nelle pieghe della pelle, nel colore dei polpastrelli, nei gesti che riescono a compiere, nella cura che riescono a mettere nelle cose che fanno. Sono storie, storie di mani, di profumi, di odori, di carezze avute e anche di quelle mancate, persino di quelle dimenticate. Sono sempre storie, vite che scorrono e si aggrappano a qualsiasi cosa per non precipitare, o almeno per non precipitare da soli. Forse sono mani di lavoratori, di hobby, per me sono mani aggrappate a quello che più ci fa sentire vivi, che più ci fa sentire noi stessi ,che in un mondo di cose che si perdono, ci fanno sentire la stabilità di un riparo sicuro dove raccogliersi e pensare.
E tutte queste foto nascondono anche la mia, la foto delle mie mani, che tengono la macchina fotografica, mani ben ferme ma pronte a spostarsi in una frazione di secondo per catturare un attimo, qualcosa che voglio portare con me.



il profumo delle mani il profumo delle mani



View slideshow

2 commenti:

cimozia ha detto...

...e le tue mani sanno anche scrivere bene, accarezzare gattini, cucinare e coccolare tre bimbe che ti adorano.

chiara ha detto...

quanto ci sentiamo persi in questo grande spazio,così immenso ....così pieno di persone ,molte delle quali non hanno identità per noi.......lontane anni luce come le galessie.
Quando ci tocchiamo il cuore,ci ritroviamo...... e poco importa se l'azione è una foto ,una parola o un dipinto.....ritrovare il proprio centro è ritrovare l'azione che ci edifica....amarlo è certamente l'altra.
un pò di calore sincero da uno spazio "adiacente"
ciao serena :) :) :)sempre belle e ispirate le tue foto per me....