28 gennaio, 2008

Istantanee #9

Non lo so, sono giorni che ho voglia di scrivere, ne sento proprio il bisogno ed è una sensazione che mi piace, quando le parole prendono il sopravvento...
Quando è da un pò che non faccio qualcosa, qualsiasi cosa, sento sempre quel groviglio nella pancia, un pò timore un pò emozione... come la prima volta di ogni anno in cui vado al mare, come quando preparo la valigia o prendo un treno dopo tanto tempo... a volte è bello non fare qualcosa per un pò solo per sentire questa parvenza da "incanto di prima volta"...
Mi piacerebbe riuscire dinuovo a scrivere i miei deliri ma non ci riesco più, non è che sono frenata e che la vita scritta è un pò diversa da quella vissuta perchè si può rileggere, è un tornare indietro senza poterci tornare, ma in fondo si torna indietro lo stesso, con una farfalla inopportuna nello stomaco o con un sorriso smorzato o un sorriso fuori controllo...
Io non lo so come si risolverà la mia vita (sospetto che sarà sempre un cantiere aperto...) però so cosa non vorrei mai e questo ho avuto modo di capirlo meglio negli ultimi mesi... non so, ora che un punto l'ho messo forse ho capito che non sono più disposta a mettere nessuno sopra di me, perchè tra rischiare e insistere il confine è davvero sottilissimo... Sono stanca di quelli che chiedono senza dare mai, che vogliono sentire a voce alta come stanno e cosa vogliono loro senza minimamente prenderti in considerazione,sono stanca di chi pretende, di chi va sempre avanti e poi resta indietro, sono stanca dei vari scusa e torno presto... sono abbastanza matura da capire che ognuno fa il suo percorso che questo gli si modella addosso e che non siamo tutti uguali, ma sono ancora abbastanza stupida da credere di meritare qualcosa di diverso...e di sperarci.
Mi dicono tutti che io penso troppo, verissimo, ma io sono così... a volte credo di aver proprio bisogno della malinconia da viso incollato al finestrino freddo, come ho bisogno di salire le scalette al porto per sentirmi più vicina alle nuvole... come ho bisogno ,ogni tanto, di inseguire i tramonti... crescendo capisci che certe cose non cambieranno mai, altre purtroppo o per fortuna invece si, ma di certo cambia il modo in cui incidono sulla tua stabilità, la stuzzicano, la strapazzano, a volte con effetto montagne russe, ma non la si perde più del tutto... perchè ti conosci, un pò.



Pozzanghera

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Quasi mai si sa "cosa" si vuole o "dove" si vuole andare, ma poco importa, sapere cosa NON si vuole ... è già un ottimo punto di partenza!!
La tua foto è un bellissimo esempio di "dalle stelle alle stalle": riflesso in una pozzanghera melmosa ... c'è un pezzetto di cielo ...
Si può decidere di vedere solo la pozzanghera, si può decidere di vedere solo il cielo, si può decidere di accettare il fatto che le due cose possano coesistere ... la pozzanghera con il cielo riflesso, è un dato di fatto, come lo percepiamo e quello che riusciamo a vederci ... beh ... questa è un'altra storia ... tu dici che "non sai come si risolverà la tua vita", ma meno male!!! Neanch'io lo so ... e ne sono felice!! Che gusto c'è a leggere un libro del quale già si conosce la fine??? ;-)
Un bacione!
Lilla

polpetta ha detto...

Sere non è che diventiamo grandi vero? noooooooo vero?